RICORRENZE

Login

CAI Consiglia

Lo Scarpone

Sulle orme di Bonifacio Rotario


1° Settembre 2008

Le foto dell'ascesa e della vetta.

(dal Bollettino parrocchiale di Mompantero)

Per la verità le celebrazioni in onore di Bonifacio Rotario sono iniziate già il 31 agosto quando, al termine della S. Messa delle 10:30 in Cattedrale a Susa don Ettore De Faveri ha affidato ai Presidenti del CAI di Asti e Susa il Trittico.

Alle ore 14 con partenza dal Santuario di Mompantero inizia l'ascesa. Al Seghino ci aspetta il Sindaco di Mompantero Piera Favro per augurarci buona salita. In un pomeriggio assolato scambiandoci l'onore di trasportare la preziosa icona percorriamo il classico sentiero per il Trucco, ripulito

per l'occasione dai volontari della squadra A.I.B. di Mompantero, quindi andiamo alla Riposa dove ci congiungiamo con gli amici partiti da Foresto e con un ultimo sforzo arriviamo al rifugio Cà d'Asti, meta della giornata, dove ad aspettarci troviamo un notevole numero di alpinisti partiti da Novalesa.

Il giorno dopo, 1° settembre, si parte alle ore 7 per la vetta con un tempo non bellissimo, ancora una volta il trittico è ben scortato e passa di spalla in spalla con una certa frequenza, perchè sono molti gli alpinisti pellegrini che desiderano emulare Bonifacio Rotario. Alle ore 10 quasi tutti sono in "punta" compresi gli amici saliti dal ghiacciaio sia da Malciussia che da Bessans attraverso la Vallèe du Rubon nonchè dal rifugio Stellina. Sono le 10:20 quando inizia la S. Messa presieduta da S.E. Mons. Renato Boccardo concelebrata dal neo Parroco di Chiomonte don Gianluca Popolla e dal Parroco di S.Antonino don Sergio Blandino. Durante l'omelia Mons. Boccardo illustra con dovizia di particolari le figure rappresentate sul Trittico ed il loro messaggio simbolico.

Viviamo tutti un momento di forte commozione quando il celebrante invita a pregare per chi ci ha preceduto nel regno dei Cieli; sotto una fitta nevicata termina la S. Messa al canto del nuovo inno alla Madonna "Sovrana delle Altezze" e del "Je vous salue Marie" Ave Maria Bessanese.

Un buon numero di cantori del Coro Alpi Cozie che già aveva impreziosito la Celebrazione Eucaristica intona "La Montanara" mentre si procede all'inaugurazione della tavola di orientamento realizzata per iniziativa della sezione di Susa del C.A.I. su disegno dell'arch. Fabrizio Regazzoni.

Cessa di nevicare quando facciamo onore al rinfresco offerto dall'insostituibile Fulgido Tabone, contemporaneamente tutti i presenti firmano il documento che verrà lasciato nella Cappella a ricordo dell'avvenimento.

Favorita da un netto miglioramento delle condizioni atmosferiche inizia la discesa verso il rifugio La Riposa, qui in 120 gustiamo il favoloso pranzo preparato da Mariangela e fra canti piemontesi, francesi ed italiani chiudiamo in bellezza una giornata storica.

Giovanni Allemano - Presidente C.A.I. Sezione di Susa

 

Privacy Policy