RICORRENZE

Login

CAI Consiglia

Lo Scarpone

Ritorno alla Rocca d'Ambin


13 - 14 Agosto 2012

Le foto delle due giornate.

In occasione del 140° anniversario della fondazione della Sezione C.A.I. di Susa, un gruppo di soci, capitanati dal presidente della Sezione Emilio Reynaud, hanno ricompiuto l'ascesa alla Rocca d'Ambin, meta della prima "gita sociale" effettuata dai soci fondatori nel lontano 1872.

Partiti il 13 agosto 2012 dal Colle del Piccolo Moncenisio, abbiamo raggiunto e oltrepassato il Lago delle Savine per

 arrivare al Rifugio Vaccarone, che, dopo i lavori di restauro, ha riaperto al pubblico proprio quest'anno. La cena preparata dai gestori del rifugio è stata molto gradita e apprezzata da tutti, anche dai soci più piccoli che sono arrivati fino qui senza problemi e con molto entusiasmo! Trattandosi di un anniversario non ci siamo privati di nulla e quindi non poteva mancare la torta per il festeggiato, con tanto di dedica alla panna e candelina accesa!

Il mattino successivo la giornata si presentava con un bel sole e poche nuvole e lasciava presagire un perfetto clima per raggiungere la vetta. Così è stato!

Fatta colazione e recaricate così le "batterie" per affrontare l'ascesa, ci aggingiamo a partire seguendo la strada e l'esempio che i soci fondatori hanno lasciato 140 anni fa. Nel frattempo ci raggiungono altri amici e soci partiti di buon'ora questa mattina dal basso e tutti insieme, in fila indiana ci avviciniamo alla vetta. Anche i soci più giovani "non mollano" e con entusiasmo seguono la comitiva !

Siamo giunti al colle; ancora un piccolo sforzo e saremo in vetta, anche se ora inizia la parte un pò più impegnativa, più ripida e sconnessa: la bella giornata di sole però ci è amica e in poco tempo siamo in cima!

Dopo 140 anni la Rocca d'Ambin ci accoglie nuovamente come fece allora con i nostri "avi"! Certo, c'è da immaginare che se la montagna avesse gli occhi, sarebbe stupita dagli scarponi  con le suole di gomma, dai bastoncini ultraleggeri, dagli zaini colorati e dalle giacchette anti vento, avendo ancora negli occhi gli scarponi pesanti e chiodati, i bastoni lunghi e di legno e i pastrani pesanti e ingombranti dei nostri illustri predecessori. I tempi cambiano, le mode e la tecnica si evolve ma la Rocca d'Ambin "se ne frega", e rimane qui immobile ad accogliere tutti coloro che la raggiungono!

Proprio questi ultimi, avranno da oggi una piccola gradita sorpresa arrivati in vetta. Tra coloro che sono saliti oggi, qualcuno aveva lo zaino un pò più pesante, contenete una targa e una cassetta.

In occasione di questo anniversario, è stata infatti posta alla base del muretto in pietra che indica la cima, una cassetta chiusa contenete il libro di vetta sulla quale è stata affissa una targa ricordo della prima salita in occasione della fondazione della Sezione.

E così, dopo la camminata, ci tocca pure lavorare!..scherzi a parte, con sapienza e destrezza i più esperti Carlo e Osvaldo con l'aiuto di tutti i presenti sistemano la base in pietra e fissano la cassetta con il libro, pronta così a ricevere le sensazioni e le dediche di tutti gli alpinisti di passaggio.

Dopo il dovere...è l'ora del piacere ed ecco spuntare una buona buta ad cul bun: in alto i calici e buon compleanno Cai di di Susa!.

Tutti insieme ci stringiamo intorno alla vetta per immortalare questo momento di felicità e brindiamo alla Sezione di Susa....così come sicuramente fecero il quel luglio del 1872!

M.M.

Privacy Policy